Giovedì 24 dicembre

Verbo della settimana: NASCERE

GIOVEDì 24 DICEMBRE

Sal 88

Canterò in eterno l'amore del Signore,
di generazione in generazione
farò conoscere con la mia bocca la tua fedeltà,
perché ho detto: «È un amore edificato per sempre;
nel cielo rendi stabile la tua fedeltà».

 

Lc 1, 67-79

In quel tempo, Zaccarìa, padre di Giovanni, fu colmato di Spirito Santo e profetò dicendo:
«Benedetto il Signore, Dio d'Israele,
perché ha visitato e redento il suo popolo,
e ha suscitato per noi un Salvatore potente
nella casa di Davide, suo servo,
come aveva detto
per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:
salvezza dai nostri nemici,
e dalle mani di quanti ci odiano.
Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
e si è ricordato della sua santa alleanza,
del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,
di servirlo senza timore, in santità e giustizia
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo
perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
nella remissione dei suoi peccati.
Grazie alla tenerezza e misericordia del nostro Dio,
ci visiterà un sole che sorge dall'alto,
per risplendere su quelli che stanno nelle tenebre
e nell'ombra di morte,
e dirigere i nostri passi
sulla via della pace».

 

 

 

 

 

 

COMMENTO DI DON GIOVANNI NICOLINI

 

Quello che oggi Zaccaria ci comunica è quell’elezione della povertà che è l’atto rivoluzionario di Dio rispetto a tutto quello che pensano le filosofie e che tante volte ci hanno detto certi catechismi non del tutto giusti. È importante ricordare che non si va in paradiso perché ce lo meritiamo ma perché Dio ci ama. E amando Dio tutti, ha un’attenzione privilegiata per i piccoli, per i poveri e per i peccatori. Il Signore ama i peccatori. E quindi ama tutti gli uomini e tutte le donne della terra. Per me è difficile pensare che ci sia qualcuno che sarà condannato. Perché penso che la misericordia di Dio non ceda. E che quindi fino all’ultimo istante della storia andrà alla ricerca dei suoi figli perduti per poterli riconoscere e poterli abbracciare con gioia, e poterli portare con sé.

PAROLE DI CANTAUTORE

Roberto Vecchioni - Figlia

Sapeva tutta la verità
Il vecchio che vendeva carte e numeri
Però tua madre è stata dura da raggiungere
Lo so che senza me non c'era differenza

Saresti comunque nata
Lei ti avrebbe comunque avuta
Non c'era fiume quando l'amai
E non era propriamente ragazza

Però penso di avere fatto del mio meglio
Così a volte guardo se ti rassomiglio
Lo so, lo so che non è giusto
Però mi serve pure questo

Poi ti diranno che avevi un nonno generale
E che tuo padre era al contrario un po' anormale
E allora saprai che porti il nome di un mio amico
Di uno dei pochi che non mi hanno mai tradito
Perché sei nata il giorno che a lui moriva un sogno

E i sogni, i sogni
I sogni vengono dal mare
Per tutti quelli
Che han sempre scelto di sbagliare

Perché, perché vincere significa accettare
E se arrivo vuol dire che a qualcuno può servire
E questo, lo dovessi mai fare
Tu, questo, non me lo perdonare

E figlia, figlia
Non voglio che tu sia felice
Ma sempre contro
Finché ti lasciano la voce

Vorranno la foto col sorriso deficiente
Diranno: "Non ti agitare, che non serve a niente"
E invece tu grida forte
La vita contro la morte

E figlia, figlia
Figlia sei bella come il sole
Come la terra
Come la rabbia, come il pane

E so che t'innamorerai senza pensare
E scusa, scusa se ci vedremo poco e male
Lontano mi porta il sogno
Ho un fiore qui dentro il pugno.

Il vescovo Beschi: la sfida di servire la vita al tempo del Covid

Il vescovo Beschi: la sfida di servire la vita al tempo del Covid

L'intervista ad Avvenire | giovedì 06 maggio 2021
Dal capitalismo al comunitarismo fondazionale

Dal capitalismo al comunitarismo fondazionale

La riflessione di Aldo Bonomi | giovedì 06 maggio 2021
I «care» faro per tutti (una scelta da onorare)

I «care» faro per tutti (una scelta da onorare)

L'articolo di Francesco Gesualdi | venerdì 07 maggio 2021
Acqua

Acqua

La riflessione di Giovanni Mauro | venerdì 07 maggio 2021
Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc...
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Le 10 domande per il 2021