La carovana di stop the war now

 La Carovana di Stop The War Now a Odessa e Mykolaiv.

 

Articolo de Mosaico di oace 

di Tonio Dell’Olio | 01/07/2022

 

A Mykolaiv fuori bilancio

 

Dal 24 al 27 giugno la carovana di pace e nonviolenza Stop The War Now è partita per la sua seconda missione - la prima a Leopoli in aprile - diretta a Odessa e Mykoaiev. Tonio Dell'Olio, presidente della Pro Civitate Christiana e redattore di Mosaico di pace commenta l’esperienza appena conclusa. 

 

Quando si fa riferimento ai risultati di un'esperienza si adotta lo stesso termine che indica la contabilità di un'azienda e si parla di bilancio. Nel caso della presenza della Carovana di Stop the war a Odessa e Mykolaiv niente di più fuorviante che parlare di bilancio.

 

Non si possono contabilizzare incontri, sentimenti, emozioni, volti, passi, sguardi. Persino le parole, accennate e condivise, dicono solo una parte delle cose. Mykolaiv in particolare è considerata zona interdetta a presenze esterne perché attraversata dalla violenza di una distruzione insensata che non risparmia né persone né edifici. Mykolaiv sembra una condanna cui è obbligato solo chi è costretto a convivere con quella paura quotidiana.

 

Per questo Maxim che è il deputato comunale che organizza una parte della distribuzione degli aiuti alla popolazione, nel lungo dialogo con i partecipanti alla Carovana di Stop the war, sottolinea: "Per fortuna arrivano tanti aiuti da tante nazioni europee ma questa è la prima volta che qualcuno li consegna personalmente. E non è la stessa cosa".

 

E sì, perché se a Mykolaiv non vai di persona non puoi capire cosa significhi sopravvivere in una città che non ha più acqua nelle condutture dal momento che i russi le hanno bombardate e non avere più vetri alle finestre perché l'onda d'urto delle esplosioni le manda in frantumi. Il resto sono mani da stringere e sguardi da incrociare come esubero fuori bilancio.

 

La rete #StopTheWarNow 

 

La rete si compone di oltre 175 enti italiani impegnati per la costruzione della pace e per la solidarietà internazionale attraverso azioni nonviolente di pace e umanitarie. La rete è nata per lanciare un messaggio di solidarietà e di opposizione al conflitto in Ucraina e per costruire insieme un’alternativa alla follia della guerra.

 

È coordinata da una cabina di regia composta dalla Comunità Papa Giovanni XXIII, da Pro Civitate Christiana e dalle reti nazionali Focsiv, Aoi, Rete Italiana Pace e Disarmo, Libera contro le mafie, in rappresentanza di tutte le associazioni aderenti.

Al momento #STOPTHEWARNOW è in Ucraina con due presenze stabili, una a Leopoli e una a Odessa. La terza missione della carovana è in programma dal 14 al 18 luglio. 

Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc...
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Le 10 domande per il 2021
Auguri di Natale in streaming

Auguri di Natale in streaming

Rivedi l'appuntamento con Daniele Rocchetti e Don Cristiano Re
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Per tutte le sedi della provincia di Bergamo
Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Un territorio che si orienta: la presentazione del progetto