Forse è l’occasione giusta

Il racconto della Social Week delle Acli di Afrou e Khalif, titolari di protezione internazionale e ospiti del progetto SIPROIMI Levate.

Tratto dall'articolo di Babel di ottobre 2020


A luglio arriva la proposta Socialluglio arriva la proposta SocialWeek, un trekking allascoperta delle montagnebergamasche. Ore 7: “Ciao Maria,siamo già sul pullman”. Ci siamo,è fatta. Finalmente un’occasionedi confronto spontaneo e alla pari,senza alcuna mediazione. “Abbiamocamminato tantissimo, non sentivopiù le gambe; da me non ci sonomontagne così alte, di solito noncammino per hobby ma per raggiungerequalcosa. Dopo questi 3mesi in casa è stato un piacere stareall’aperto e vedere posti nuovi” esortaKhalif.In auto Afrou si confida: “A parte ilmale alle gambe si, è stato bello; sai,io qui ho pochi amici. Ho vent’annima non faccio la stessa vita dei ragazziitaliani; da quando sono arrivatoho conosciuto tante personemolto gentili ma poi ho smesso divederle. Facevano cose che io nonpotevo fare, ho tante responsabilità,loro a 20 anni sono studenti, vannoin biblioteca, in piscina; io non hotempo, la mia testa è sempre pienadi preoccupazioni”.Esperienze di vita lontane, culturee lingue diverse eppure in vetta,dove l’uomo relativizza il suo poteredinanzi alla natura, ci si sente vicini.


Si vive l’esperienza diversamenteSi vive l’esperienza diversamentema ognuno è li, a proprio modo, edè questo ciò che conta.Afrou incalza: “Ho avuto la possibilitàdi passare due giorni senza pensieri,magari diventeremo amici, lorolavorano e hanno una famiglia, nonè facile perché ho 10 anni di meno,gli interessi sono diversi però forse èl’occasione giusta; Daniel, Stefano eManuel li sento ancora”.L’incombenza dei bisogni primarispesso non lascia spazio ad altro, cisi scorda che una Persona ha il bisognovitale di relazionarsi. Se si vuole essere lungimiranti, vanno createessere lungimiranti, vanno createsituazioni di scambio per generareun senso di appartenenza ad unacittadinanza che cambia. Solo coluiche conosce la cultura del luogod’approdo potrà amarla, sentirla efarsela propria.Chissà che un giorno non sarannoproprio Afrou e Khalif ad accompagnaresulle montagne bergamaschei nuovi cittadini che verranno. È l’auguriopiù grande che ci possiamofare come progetto Siproimi e ancordi più da cittadini del nuovo millennio.



Le immagini della nostra esperienza dal 27 luglio al 2 agosto 2020