Domenica 13 dicembre

Verbo della settimana: ANDARE

domenica 13 DICEMBRE

Gv 1, 6-8. 19-28

Dal Vangelo secondo Giovanni

 

Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.
Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa».
Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell'acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».
Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

 

 

 

 

 

COMMENTO DI DON CRISTIANO RE

 

E con semplicità parto da questo nome specifico che però diviene il nome di tutti noi se lo permettiamo. Giovanni: “Dio fa grazia”. Questo è il nostro nome e questo è quello che Dio ci chiama ad essere, segno della sua Grazia, testimonianza di un Dio del gratuito. Ciascuno di noi è mandato per questo. “Venne un uomo mandato da Dio, il suo nome era…” il mio, il tuo, assieme a quello di uomini e donne disponibili alla fantasia ed al coraggio di Dio e fedeli al qui e ora della loro storia. Sono tanti gli uomini e le donne mandati da Dio e la maggior parte di loro neppure consapevoli che stavano costruendo la possibilità della Grazia nella vita di qualcuno. Se ci pensiamo, quanti ne conosco. Di questo dico un grazie profondo. Difficile? Molto improbabile per me? Mah; forse sì. Ma il Vangelo sempre ci dice che perché sia così “basta essere un uomo”, basta provare seriamente a fare l’uomo perché Dio si mostri, perché sia un regalo che entra nel mondo. È la storia del Natale: Dio si fa uomo. La Bibbia ce lo dice chiaro dalla sua prima pagina in poi. Dio entra nella storia cominciando a frequentare uomini e donne. E poi si fa uomo nei suoi gesti, nel suo affetto tenero, come nella forza delle parole. E poi cerca, incontra, vuole bene e manda uomini e donne. Uomini e donne non preoccupati di sé, non attratti dalla prospettiva di un consenso, solo intenti ad essere trasparenza d’altro. Come ci racconta il Vangelo di oggi, chi cerca altro che un uomo – come gli inviati dei farisei – non può che restare deluso. Cosa bisogna fare per vedere l’uomo mandato da Dio? Fermarsi nel deserto che comporta l’uscita “dalla città” per ritrovare il senso delle cose, per guardare negli occhi le persone, almeno quelle più vicine, per stringersi quando fa freddo, e camminare facendosi forti l’un dell’altro nella ricerca di ciò che nutre la vita, per ridirsi le parole che da troppo tempo non ci si dice più, per riprenderci la nostra responsabilità nei confronti di questo mondo vicino e lontano.

 

 

 

SAPER ATTENDERE, di Dietrich Bonhoeffer

 

Festeggiare l’Avvento significa saper attendere: attendere è un’arte che il nostro tempo impaziente ha dimenticato. Esso vuole staccare il frutto maturo non appena germoglia; ma gli occhi ingordi vengono soltanto illusi, perché un frutto apparentemente così prezioso è dentro ancora verde, e mani prive di rispetto gettano via senza gratitudine ciò che li ha delusi. Chi non conosce la beatitudine acerba dell’attendere, cioè il mancare di qualcosa nella speranza, non potrà mai gustare la benedizione intera dell’adempimento.

TESTIMONIANZA DI MARCO PACATI

Marco Pacati è stato dirigente scolastico presso l’Istituto professionale “Pesenti” di Bergamo. Laureato in lettere classiche e con una passione per il sapere a trecentosessanta gradi, in questo video mette a servizio la sua esperienza per guidarci in un viaggio tra l’arte e la letteratura che esplorano il tema dell’”andare”.

2021 al lavoro: grazie!

2021 al lavoro: grazie!

Lascia la recensione
Con il vostro sostegno finanzieremo 11 borse lavoro
Leggi di più

"I dimenticati di Lipa": Gigi Riva racconta l'emergenza in Bosnia

Lascia la recensione
Giovedì 21 gennaio alle 20:30 l'evento online organizzato da Rete della Pac
Leggi di più
TOWARDS 2023: Giorgio Gori e Emilio Del Bono in dialogo

«Towards 2023»: Giorgio Gori e Emilio Del Bono in dialogo

Lascia la recensione
Rivedi l'incontro online di venerdì 15 gennaio
Data
15 Gennaio 2021
Ora di inizio
18:30
Leggi di più
Servizio Civile Universale, il bando2021

Servizio Civile Universale: il bando per il 2021

Lascia la recensione
Quest’anno le Acli Provinciali di Bergamo hanno a diposizione 4 posti per 3
Leggi di più
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Lascia la recensione
Le 10 domande per il 2021
Leggi di più
e Acli di Bergamo ricercano un coordinatore/una coordinatrice per lo sviluppo della rassegna Molte Fedi sotto lo stesso cielo

Le Acli di Bergamo cercano un coordinatore per la rassegna culturale Molte Fedi sotto lo stesso cielo

Lascia la recensione
Inoltra la tua candidatura
Leggi di più