Vera cittadinanza alla scienza per una scuola orientata al futuro

di Silvio Garattini | Giovedì 12 maggio

 

 

 

 

 

 

 

 

Avvenire

 

 

 

 

 

 

 

 

Pur con molte eccezioni dovute prevalentemente a iniziative di singole scuole e di singoli insegnanti, la situazione dei programmi scolastici richiede significativi cambiamenti, soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo di competenze scientifiche, il vero motore dello sviluppo. La scuola italiana, infatti, è fondamentalmente ancorata a programmi del secolo scorso con una impostazione di tipo letterario-filosofico-artistico. Se voglio sapere se la terra è sferica, se voglio cambiare le caratteristiche di una pianta, se voglio sapere se un farmaco fa bene o fa male non lo posso chiedere alla filosofia, alla musica o al greco: lo devo chiedere alla scienza, che come tutte le attività umane compie errori, ma ha in sé la capacità di correggerli perché nella scienza ha valore solo ciò che è riproducibile da altri ricercatori e con altre metodologie. La scienza appartiene al 'sapere' che è fatto di tanti tipi di conoscenza che la scuola deve saper integrare attraverso docenti, a tutti i livelli scolastici, formati per operare nel senso indicato. Ce n’è a sufficienza per chiederci cosa si debba fare.

 

Non dimenticando che le possibilità di informazione si sono arricchite di nuove tecnologie come radio, televisione, banche dati, piattaforme informative, internet. Oltre al fatto che sono avvenuti profondi cambiamenti nella popolazione. Vent’anni orsono i diciottenni in Italia erano un milione, oggi sono meno della metà. Infine le importanti modifiche avvenute nella società hanno aumentato le conoscenze 'non-scolastiche' dei giovani, con il risultato che l’età dell’adolescenza è diminuita iniziando oggi intorno ai 10 anni. Tenendo in conto anche questi elementi, per semplificare mi riferirò a tre – necessari – grandi cambiamenti, senza ovviamente entrare nei particolari che sono competenze degli esperti di didattica e pedagogia. Il primo cambiamento richiede la presenza nella scuola della scienza come componente della cultura. Purtroppo nella stessa Costituzione si dice che lo Stato supporta la scienza e la cultura. Sono due cose diverse? In qualsiasi rubrica giornalistica, televisiva di tipo culturale la scienza è raramente presente, e spesso viene discussa in una pagina o in un programma a parte.

 

Qualcuno potrebbe obiettare che la scienza è presente nella scuola attraverso le materie scientifiche come chimica, fisica, biologia. È vero, ma quelli sono i contenuti della scienza che spesso sono superati da altre conoscenze che si aggiungono velocemente in tempi sempre più brevi. Ciò che manca è la scienza come fonte di conoscenza, una conoscenza unica non sostituibile che si ottiene grazie a una specifica metodologia. In altre parole, la scuola non educa alle fatiche del metodo scientifico. Un secondo cambiamento riguarda l’eccessivo ancoraggio al 'passato' della scuola italiana. In realtà, di quasi tutte le materie si insegna la storia: della letteratura, della filosofia, dell’arte, anche se l’insegnamento della storia dei popoli e delle nazioni si ferma molto spesso alla Prima guerra mondiale, sorvolando non di rado su cosa è stato il fascismo, il nazismo, le dittature, la Shoah. Ciò nonostante, questo determina nello studente certamente una buona conoscenza del passato.

 

 

 

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

 

 

 

No all’assuefazione ai conflitti.

No all’assuefazione ai conflitti.

L'articolo di Magatti
Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc...
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Le 10 domande per il 2021
Auguri di Natale in streaming

Auguri di Natale in streaming

Rivedi l'appuntamento con Daniele Rocchetti e Don Cristiano Re
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Per tutte le sedi della provincia di Bergamo