Un ricordo di don Gianni Chiesa

IL RICORDO DI SARA AGOSTINELLI

 

 

Venerdì 20 novembre ricorre il quinto anniversario della morte di Gianni Chiesa: Gianni per molti, don Gianni per qualcuno, Giannone per alcuni di noi.
Negli anni scorsi ci siamo ritrovati per ricordarlo, per essere uniti non solo nella sua memoria ma anche per tenere vivi i valori e le convinzioni che sempre lo hanno spinto ad impegnarsi.
Quest’anno non vogliamo e possiamo farlo: per il senso di responsabilità collettiva che siamo certi condividerebbe lui stesso.
Staremo “ognuno a casa propria” – e senza dimenticarci di chi non ha la fortuna di avere una casa!
Ma staremo uniti, nel ricordo e nel desiderio di non smettere di essere persone giuste, solidali, umane, accoglienti, attive e mai rassegnate.
L’invito, dunque, è alla condivisione di un pensiero, per quel giorno: che vada al nostro Gianni e, insieme, a chi sta soffrendo in questi mesi, vicino e lontano da noi.
Stiamo uniti nel pensiero, sebbene ci tocchi stare lontani.

Un abbraccio forte a tutte e a tutti.
E un saluto beneaugurante con questa poesia.

 

 

“Inizia”, di Brendan Kennelly

 

Inizia di nuovo al richiamo degli uccelli
alla vista della luce dalla finestra,
inizia al rombo del traffico mattutino
lungo tutta Pembrock Road.
Ogni inizio è una promessa
nasce nella luce e muore nel buio
determinazione ed esaltazione primaverili
infiorano il cammino verso il lavoro.
Inizia allo spettacolo delle ragazze in coda
l’arrogante solitudine dei cigni nel canale
ponti che collegano passato e futuro
vecchi amici trapassati eppur con noi.
Inizia alla solitudine che non può finire
perché forse è ciò che ci fa iniziare,
inizia a stupirti di volti sconosciuti
delle grida di uccelli nella pioggia improvvisa
di rami spogli nella volenterosa luce del sole
di gabbiani a caccia di pane
di coppie unite in un segreto luminoso
insieme sole a fare bene.
Anche se viviamo in un mondo che sogna di finire
che sembra sempre sul punto di arrendersi
qualcosa che non ammette conclusione
insiste a chiederci che incessanti si inizi.

 

L'ARTICOLO DI DANIELE ROCCHETTI

 

Ero anch’io tra i moltissimi che il 23 novembre pomeriggio hanno affollato la chiesa di Albano per l’ultimo saluto a don Gianni Chiesa. Una marea di gente, proveniente dalle storie più disparate e diverse. Donne e uomini, credenti e non credenti, che provenivano dai luoghi e dalle esperienze che Gianni ha vissuto e attraversato: il sindacato, la politica, la cooperazione sociale, Casa Amica, l’Equipe Notre Dame. Durante la liturgia, con insistenza, mi sovvenivano le parole di Simone Weil: “Non è dal modo in cui un uomo parla di Dio, ma dal modo in cui parla delle cose terrestri, che si può meglio discernere se la sua anima ha soggiornato nel fuoco dell’amore di Dio. …”

Bastava guardare l’assemblea funebre di oggi per rendersene conto. Lui, prete operaio, che da molti anni non aveva più parrocchia, è riuscito a intrecciare, attorno all’altare, i moltissimi fili che hanno reso bella la sua vicenda di uomo e di cristiano. Perché in Gianni – uomo dalle profonde connessioni – le due cose erano strettamente legate: profondamente laico e, insieme, profondamente cristiano. Da credente parlava le lingue degli uomini. Senza bisogno di distinzioni o di separazioni. Sin dai tempi della militanza sindacale ha scelto di mettere insieme testa e cuore, sentimento e razionalità politica. Finita la stagione dei furori ideologici, ha compreso, prima di altri, che sulla cura del volto si giocava il confine e la vocazione della politica. Lo ricorda ancora Simone Weil: “La pienezza dell’amore del prossimo sta semplicemente nell’essere capace di domandargli: “Qual è il tuo tormento?”, nel sapere che lo sventurato esiste, non come uno fra i tanti, non come esemplare della categoria sociale ben definita degli “sventurati”, ma in quanto uomo, in tutto simile a noi, che un giorno fu colpito e segnato dalla sventura con un marchio inconfondibile. Per questo è sufficiente, ma anche indispensabile, saper posare su di lui un certo sguardo”.

Certo, questo ha voluto dire che Gianni è stato un uomo, un credente, un prete schierato. Per il Vangelo e per le persone in carne ed ossa. Perché come diceva uno slogan cileno: “non esiste il centro tra giustizia e ingiustizia”. Un uomo libero, fiero e indisponente nella sua libertà. Un prete che amato la Chiesa e che si è sentito Chiesa, anche quando era guardato con diffidenza. Un credente che, soprattutto negli ultimi anni, si è ricentrato sempre più sull’essenziale: la Parola (quanto la amava e gli piaceva presentarla!) e la vicenda di Gesù di Nazareth. Che ha cercato di raccontare con la sua vita. Dalla periferia. Da dove quella Parola e quella vicenda si comprendono meglio e più in profondità.

 

2021 al lavoro: nessuno resti in fuorigioco!

2021 al lavoro: nessuno resti in fuorigioco!

Lascia la recensione
Una raccolta fondi a sostegno del lavoro. Testimonial: Mattia Caldara
Leggi di più
Labor Vite: il vino che crea lavoro

Labor Vite: il vino che crea lavoro

Lascia la recensione
Una campagna natalizia in collaborazione con la cooperativa Oikos
Leggi di più
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Lascia la recensione
Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
Leggi di più
Agora 2020: la polis che vorrei

Agorà 2020: la polis che vorrei

Lascia la recensione
Un percorso rivolto ad amministratori comunali under 35 e a giovani appassi...
Data
26 Novembre 2020
Ora di inizio
18:00
2a Data
3 Dicembre 2020
Ora di inizio
18:00
3a Data
10 Dicembre 2020
Ora di inizio
18:00
4a Data
17 Dicembre 2020
Ora di inizio
18:00
Leggi di più
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Lascia la recensione
Per tutte le sedi della provincia di Bergamo
Leggi di più
Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Lascia la recensione
Un territorio che si orienta: la presentazione del progetto
Data
19 Novembre 2020
Ora di inizio
20.45
Leggi di più