Stop escalation: ripartire dall'ONU.

Stop escalation: ripartire dall'Onu. Dove porta il non-dialogo.

 

Articolo de l'Avvenire 

di Mauro Mgatti | 05/07/2022 

 

Invadendo l’Ucraina, Vladimir Putin ha voluto piantare un cuneo tra l’Occidente e il resto del mondo. Una mossa dura e astuta, studiata per alterare la prospettiva con cui molte cancellerie guardano a quello che accade in Ucraina: non una invasione, ma un atto di ribellione al dominio occidentale.

 

Il successo di Putin non dipende solo dai risultati sul campo, ma anche dalla riuscita del suo progetto di arruolare altri governi al suo disegno.

Una linea che si è potuta chiaramente vedere nella recente riunione dei Brics (5 Paesi emergenti: Cina, India, Sudafrica Brasile e Russia, che insieme fanno il 23% del Pil e il 40% della popolazione globale) dove è stata condivisa l’idea della necessità di costruire un nuovo ordine globale.

 

Una posizione che rappresenta soprattutto il punto di vista della Cina, che può approfittare della situazione per ridefinire i rapporti di forza a livello planetario, oltre che per i risolvere a proprio vantaggio la questione di Taiwan.

 
Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc...
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Le 10 domande per il 2021
Auguri di Natale in streaming

Auguri di Natale in streaming

Rivedi l'appuntamento con Daniele Rocchetti e Don Cristiano Re
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Per tutte le sedi della provincia di Bergamo
Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Un territorio che si orienta: la presentazione del progetto