Quanto vale il capitale reputazionale?

di Vittorio Pelligra | Lunedì 10 gennaio

 

 

 

 

 

 

IlSole24Ore

 

 

 

 

 

 

La creazione di network reputazionale costituisce una soluzione tanto antica quanto efficace al problema della costruzione della fiducia nei mercati caratterizzati da asimmetrie informative e quindi dal rischio di azzardo morale.

 

Nel Mind the Economy della settimana scorsa abbiamo visto come già nell'XI secolo, grazie alla creazione di un meccanismo di reputazione collettiva, i mercanti della coalizione magrebina (Maghribi Traders) fossero riusciti a sviluppare canali efficienti di commerci a lunga distanza basati sull'azione di agenti interessati a crearsi e mantenere un'elevata reputazione di affidabilità e lealtà.

 

Il fascino di questa istituzione è legato alla sua capacità di promuovere comportamenti cooperativi anche in assenza di costose istituzioni di controllo, contratti formali e tribunali.

 

Questi stessi meccanismi, antichissimi – Erodoto ce ne segnala di simili già nel VI sec. a.C. – si sono affermati molti secoli dopo come una delle soluzioni più efficaci al problema della creazione di fiducia su Internet. Questi sistemi basati sulla reputazione digitale sfruttano le capacità di comunicazione bidirezionale di Internet per riprodurre online canali di passaparola su larga scala in cui gli agenti (imprese, clienti, utenti, etc.) condividono opinioni ed esperienze su una vasta gamma di argomenti e, in particolare, sulla storia passata e l'affidabilità dei loro possibili interlocutori.

 

Con il diffondersi, negli ultimi trent'anni, dei metodi sperimentali anche in economia, molti ricercatori hanno provato a comprendere nel dettaglio, sia nell'ambiente controllato del laboratorio che sul campo, quali elementi influenzano maggiormente il funzionamento dei meccanismi reputazionali e perfino a quantificarne l'effetto in termini monetari.

 

In uno studio pubblicato nel 2005, l'economista di Harvard Iris Bonhet con tre suoi colleghi hanno analizzato l'impatto che l'accessibilità a informazioni di diversa natura può esercitare sugli scambi e sull'efficienza dei mercati. Una tipica relazione tra venditore e acquirente come quelle che sperimentiamo sulle piattaforme di e-commerce, è caratterizzata da una struttura sequenziale che prevede l'invio del denaro e, solo successivamente, la ricezione del bene. Questo tipo di scambi, necessariamente, richiede che gli acquirenti abbiano qualche forma di informazione sul comportamento passato dei venditori, sulla loro affidabilità.

 

Questo, ci dice la teoria, dovrebbe mitigare l'effetto negativo dell'azzardo morale insito in uno scambio di questo tipo. Bonhet e colleghi arruolano 192 partecipanti e li dividono in quattro gruppi differenti nei quali, a coppie, in condizioni di anonimato e con incentivi reali, simuleranno la relazione venditore-compratore descritta poco sopra.

 

 

 

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

No all’assuefazione ai conflitti.

No all’assuefazione ai conflitti.

L'articolo di Magatti
Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc...
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Le 10 domande per il 2021
Auguri di Natale in streaming

Auguri di Natale in streaming

Rivedi l'appuntamento con Daniele Rocchetti e Don Cristiano Re
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Per tutte le sedi della provincia di Bergamo