Mariapia Veladiano: «Un Natale più vicino alle stelle»

di Alessandro Zaccuri | sabato 19 dicembre

 

 

 

Avvenire

 

 

 

Ci eravamo messi d’accordo per vederci a Vicenza, dopo di che abbiamo esitato, rimandato, quasi confermato. Alla fine ci siamo arresi al principio di precauzione, ripiegando su una lunga videochiamata online. Anziché lo scenario sontuoso della Basilica palladiana, è la casa in cui Mariapia Veladiano vive a fare da sfondo. La scrittrice parla da un angolo della campagna veneta. Fuori dalla stanza in cui si trova il suo studio si immagina un paesaggio non troppo diverso da quello in cui è nata e cresciuta.

«Sì – conferma –, sono molto grata alle mie origini. Intendiamoci, nella civiltà contadina di mezzo secolo fa non c’era nulla di bucolico, nulla di idealizzabile a buon mercato. Era un’esistenza povera, perfino dura: di tutto questo so che rimane una traccia in me. La cognizione che la nostra vita dipende dalla terra, ecco che cosa mi resta della mia infanzia. Oggi per i giovani è più difficile capirlo, perché c’è l’impressione che tutto possa essere comprato e rimpiazzato velocemente, di norma nel giro di venti minuti. Manca la consapevolezza di un tempo lungo, condiviso. Fin da bambina, invece, ho conosciuto la sensazione degli oggetti che passano di mano da una generazione all’altra. E gli alberi, la saggezza degli alberi: qualcuno li ha piantati per te, tu sei chiamato a piantarne altri per qualcuno che neppure conosci. La fede è in primo luogo questa fiducia nel tempo».

Non è una biografia prevedibile, quella di Mariapia Veladiano. Esordiente tardiva, sul crinale dei cinquant’anni (il suo primo romanzo, La vita accanto, uscì nel 2011 ed entrò subito nella cinquina del premio Strega), ha sempre scritto molto per sé stessa: «All’inizio erano piccole favole che non lasciavo leggere a nessuno – dice –. Non volevo espormi, era un’ipotesi che mi intimidiva. A differenza di altri generi, come la saggistica, la narrativa comporta un coinvolgimento maggiore. Si finisce sempre per raccontare qualcosa di sé e questo, per molto tempo, mi è sembrato inconcepibile».

 

 

CONTINUA A LEGGERE

2021 al lavoro: grazie!

2021 al lavoro: grazie!

Lascia la recensione
Con il vostro sostegno finanzieremo 11 borse lavoro
Leggi di più

"I dimenticati di Lipa": Gigi Riva racconta l'emergenza in Bosnia

Lascia la recensione
Giovedì 21 gennaio alle 20:30 l'evento online organizzato da Rete della Pac
Leggi di più
TOWARDS 2023: Giorgio Gori e Emilio Del Bono in dialogo

«Towards 2023»: Giorgio Gori e Emilio Del Bono in dialogo

Lascia la recensione
Rivedi l'incontro online di venerdì 15 gennaio
Data
15 Gennaio 2021
Ora di inizio
18:30
Leggi di più
Servizio Civile Universale, il bando2021

Servizio Civile Universale: il bando per il 2021

Lascia la recensione
Quest’anno le Acli Provinciali di Bergamo hanno a diposizione 4 posti per 3
Leggi di più
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Lascia la recensione
Le 10 domande per il 2021
Leggi di più
e Acli di Bergamo ricercano un coordinatore/una coordinatrice per lo sviluppo della rassegna Molte Fedi sotto lo stesso cielo

Le Acli di Bergamo cercano un coordinatore per la rassegna culturale Molte Fedi sotto lo stesso cielo

Lascia la recensione
Inoltra la tua candidatura
Leggi di più