La Colombia svolta e si affida a Petro. Non più sangue ma consensi

La Colombia svolta e si affida a Petro. Non più sangue ma consensi.

 

Articolo de l'Avvenire 

di Lucia Capuzzi | 22/06/2022

 

La vittoria di Gustavo Petro non si è consumata nei confronti del rivale, il populista Rodolfo Hernández. Per dare l’assalto al cielo e conquistare la presidenza, Petro ha dovuto battere se stesso. O, meglio, quanto egli rappresentava agli occhi di una delle due metà in cui è spaccata la società colombiana.

 

La 'petrofobia' è stata, nella campagna attuale come nelle due precedenti, l’avversario più temibile per l’ex sindaco da Bogotà, con dodici anni di militanza nelle file della guerriglia del M-19. Il suo superamento è il risultato di due fattori. Il primo, imprescindibile, è il processo di pace, culminato nell’accordo del 24 novembre 2016.

 

Per oltre mezzo secolo, la guerra tra governo e Fuerzas armadas revolucionarias de Colombia (Farc) ha tenuto in ostaggio la politica in Colombia. Qualunque forma di contestazione – per quanto disarmata – dell’establishment e dell’assetto economico è stata sistematicamente equiparata al sostegno alla guerriglia.

 

CONTINUA A LEGGERE 

Stop escalation: ripartire dall'Onu.

Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc...
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Le 10 domande per il 2021
Auguri di Natale in streaming

Auguri di Natale in streaming

Rivedi l'appuntamento con Daniele Rocchetti e Don Cristiano Re
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Per tutte le sedi della provincia di Bergamo