Gli invisibili del lavoro digitale in cerca di senso (e compenso)

Gli invisibili del lavoro digitale in cerca di senso (e compenso).

 

Come è dolce la parola chiave “piattaforma”, quando suadente ti trasmette la sensazione di essere salito a bordo della nave dei nuovi lavori.

 

Come è dolce la parola chiave “piattaforma”, quando suadente ti trasmette la sensazione di essere salito a bordo della nave dei nuovi lavori. Con il vento in poppa dell’algoritmo ti porta “oltre le mura dell’impresa”. Ti senti freelance, talmente libero da dimenticare che l’algoritmo si divide in due: chi ce l’ha e quelli a cui dà il ritmo.

 

Che non è un ritmo da poco se tanti ne trovi spiaggiati sul territorio a fare i rider con le biciclette e i magazzinieri elettronici dentro e fuori con camioncini come lance per le consegne. Se guardi dentro alle “fabbriche della cultura” mappate dal Rapporto Federculture ne vedrai tanti all’opera nei musei, nelle fondazioni, negli enti lirici, nei festival… Indagando la composizione sociale al lavoro nella piattaforma territoriale del Salone del Mobile milanese vedrai “il mobile” volare nella iperattualità vestito e rappresentato da creativi, eventologi, film maker, librettisti d’impresa, comunicatori… I distretti del mobile volano nella società dello spettacolo.

 

Questo riuscivo a vedere nel mio andare per microcosmi nelle piattaforme territoriali. Anche perché nelle piattaforme logistiche dei rider e dove atterra Amazon si sono sviluppate forme di conflitto che rivendicano diritti di reddito e senso verso quelli che danno il ritmo. È di questi giorni la protesta dei lavoratori di cooperative di servizi culturali che lavorano presso musei e biblioteche del Comune di Milano con un salario orario di 4 euro. Mi aiuta ad alzare lo sguardo per salire sulla tolda della nave un maestro della ricerca sul tema del lavoro autonomo, Sergio Bologna.

 

Con la sua introduzione ragionata alla ricerca “Dietro le quinte. Indagine sul lavoro autonomo nell’audiovisivo e nella editoria libraria” (realizzata da Acta, associazione dei freelance) per i quaderni della Fondazione Brodolini, ci porta dentro le contraddizioni del lavoro cognitivo. Scavando nei processi identitari di quelli che producono immagine, racconto, contenuti e libri, altro dalle biciclette e dai camioncini, percepiscono meno lo iato stridente dell’algoritmo e della piattaforma che ti dà il ritmo.

 

Ai piani alti dove si lavora comunicando Sergio pone il nodo del «come tutelare sé stessi nel mercato, nei rapporti con la committenza, su come gestire le proprie competenze… e su come affrontare le problematiche economiche, in primo luogo la questione dei compensi…».

 

Né per quelli delle biciclette né per i comunicanti stiamo raccontando un margine ma bensì, un centro. Se è vero come è vero che nella pandemia le piattaforme del cibo e della merce a domicilio e quelle degli audiovisivi e dell’editoria sono diventate macchine di profitti e di investimenti di big player.

 

È un salto d’epoca, un salto dalle partite Iva del lavoro autonomo di seconda generazione raccontate da Bologna a quello di terza generazione delle piattaforme. Salto realizzato e dispiegato nel mondo dell’audiovisivo dove «la tecnologia determina il lavoro… identità professionale e organizzazione».

 

 

CONTINUA A LEGGERE

Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc...
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Le 10 domande per il 2021
Auguri di Natale in streaming

Auguri di Natale in streaming

Rivedi l'appuntamento con Daniele Rocchetti e Don Cristiano Re
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Per tutte le sedi della provincia di Bergamo
Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Un territorio che si orienta: la presentazione del progetto