Conti correnti, 1.700 miliardi bloccati. Le idee per investire e far ripartire l’Italia

di Ferruccio de Bortoli | martedì 16 gennaio 2021

 

 

 

Corriere della Sera

 

 

n un commento alla parabola dei talenti, Enzo Bianchi, ex priore di Bose, avverte che la lettura del passo evangelico non deve intendersi come «un’apologia del profitto» o «un inno all’efficientismo nell’uso del denaro», bensì in uno sprone a non essere pigri e paurosi. Nonostante il padrone rimproveri il servo di non aver affidato il proprio lingotto a un banchiere, non vi è alcun significato economico o finanziario. «Custodire e fruttificare», semmai. Non solo il denaro, ma soprattutto il resto. Nel giardino del monastero di Bose, da cui Bianchi è stato ingiustamente estromesso, c’è una targa ricordo di Tommaso Padoa-Schioppa che nei suoi scritti non perse mai la dimensione etica dell’agire economico.

Le due facce della moneta

La moneta è solo uno strumento. Il risparmio è una grande virtù. Quando è troppo, però, lo è anche meno. O forse non lo è più. Oramai siamo abituati a leggere i dati sulla propensione al risparmio degli italiani, come minimo raddoppiata, e a sentirci in un certo senso rassicurati da tanta parsimonia di famiglie e imprese. Una sorta di grande cuscino sul quale un Paese — fortemente indebolito dal virus e dalla crisi economica — può ripiegare la propria testa. Sui conti correnti e sui depositi vi è ormai una cifra superiore all’intero prodotto interno lordo: 1.737 miliardi in base alla stima dell’Abi, l’Associazione delle banche italiane.

Nel solo 2020, secondo le statistiche della Banca d’Italia, i depositi bancari sono cresciuti dell’11 per cento. Sono stati risparmiati in totale 160 miliardi. Vuol dire che in meno di un anno e mezzo, le formiche italiane, da sole, sono in grado di mettere da parte l’intero importo dei sussidi e dei prestiti del Next Generation Eu. Non male.

 

Il dato di crescita

Le imprese non finanziarie hanno accresciuto i loro risparmi di 83 miliardi, raggiungendo a fine dicembre scorso i 384,5 miliardi. E questo dato è ugualmente rassicurante. Perché, a differenza di quello che è accaduto dopo la crisi del 2008, la recessione della pandemia trova le aziende, soprattutto quelle dei settori non colpiti, alcuni dei quali persino cresciuti (l’export continua ad andare bene) con un invidiabile polmone finanziario. Questo enorme risparmio precauzionale non rende nulla, specialmente in un’era di tassi negativi. In qualche caso è persino costoso. Si è gonfiato oltremisura anche per l’impossibilità materiale di famiglie e imprese di consumare alcuni beni e servizi. In mancanza di fiducia sulla fine dell’emergenza sanitaria, la propensione al consumo è artificialmente ridotta. L’industria del risparmio gestito ha registrato, anche per queste ragioni, un’espansione notevole. I più avveduti tra i risparmiatori si rivolgono a gestori e consulenti professionali. E fanno bene nel tentativo di difendere il valore reale dei loro investimenti.


LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

Sistema sanitario territoriale post pandemia: due serate online

Il sistema sanitario territoriale post pandemia: seconda serata online

Lascia la recensione
Rivedi l'evento con Roberto Alfieri
Data
2 Febbraio 2021
Ora di inizio
20:45
2a Data
16 Febbraio 2021
Ora di inizio
20:45
Leggi di più
Ebrei e cristiani: una storia complicata

Ebrei e cristiani: una storia complicata

Lascia la recensione
E' uscita la seconda puntata de L'Astrolabio, il podcast di Molte Fedi. Asc
Leggi di più
2021 al lavoro: grazie!

2021 al lavoro: grazie!

Lascia la recensione
Con il vostro sostegno finanzieremo 11 borse lavoro
Leggi di più
Pubblicato

Pubblicato "Il mondo che verrà", il dossier ISPI

Lascia la recensione
Le 10 domande per il 2021
Leggi di più
Auguri di Natale in streaming

Auguri di Natale in streaming

Lascia la recensione
Rivedi l'appuntamento con Daniele Rocchetti e Don Cristiano Re
Leggi di più
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Lascia la recensione
Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
Leggi di più