«Generare» non solo produrre.

di Cinzia Arena | venerdì 20 novembre

 

 

 

Avvenire

 

 

 

Uscire dal binomio produzione e consumo per realizzare un nuovo paradigma di economia circolare che metta al centro la persona, accompagni le nuove generazioni e tuteli l’ambiente. Una rivoluzione silenziosa partita da Assisi – sede reale e simbolica dell’evento voluto da papa Francesco che ha come protagonisti duemila giovani imprenditori ed economisti – che parla alle nostre coscienze in un momento storico così complesso e pieno di incertezze. «Generatività, beni relazionali ed economia civile» è il titolo del dibattito che ha aperto la seconda giornata di «The economy of Francesco». Sabato ci sarà il video-messaggio del Pontefice e un arrivederci all’anno prossimo, in autunno, quando si spera si potrà proseguire in presenza il cammino intrapreso in questi tre giorni di dibattiti in streaming. Un concetto quello della "generatività", che i relatori, Mauro Magatti, ordinario di Sociologia all’università Cattolica, Consuelo Corradi, professore di Sociologia alla Lumsa e Leonardo Becchetti, ordinario di economia politica all’università Tor Vergata hanno cercato di rendere concreto. Un processo di relazioni che coinvolge tutta la comunità: dai cittadini, agli imprenditori alle istituzioni. «Sino ad oggi il circuito della produzione e del consumo hanno regolato il nostro modello economico – ha detto Magatti – . Ma un’economia basata sulla quantità produce diseguaglianze ed è entropica con l’ambiente. Occorre fare un passo più in là come dice Pascal "conoscere le ragioni del cuore che la ragione non conosce". Produrre e consumare sono alla base della civiltà umana. Il problema nasce quando produzione e consumo pretendono di diventare assolute e di dare senso alle nostre vite, da qui nasce l’ossessione del controllo». Al contrario il "generare" è un movimento antropologico basato sul prendersi cura. «È la condizione essenziale per capire chi siamo, è la circolazione della vita e della libertà attraverso e al di dà di quello che facciamo noi». Per questo Magatti ipotizza la necessità di una transizione su quattro fronti: formativa, organizzativa, comunitaria e ambientale. «L’idea di un’economia generativa riapre il futuro che ci sembra chiuso, ci permette di mettere al mondo, prendersi cura, accompagnare e lasciare andare».


 

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

2021 al lavoro: nessuno resti in fuorigioco!

2021 al lavoro: nessuno resti in fuorigioco!

Lascia la recensione
Una raccolta fondi a sostegno del lavoro. Testimonial: Mattia Caldara
Leggi di più
Labor Vite: il vino che crea lavoro

Labor Vite: il vino che crea lavoro

Lascia la recensione
Una campagna natalizia in collaborazione con la cooperativa Oikos
Leggi di più
E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

E venne un uomo, meditazioni per i tempi di Avvento e di Natale

Lascia la recensione
Disponibile il libro scritto da don Cristiano Re
Leggi di più
Agora 2020: la polis che vorrei

Agorà 2020: la polis che vorrei

Lascia la recensione
Un percorso rivolto ad amministratori comunali under 35 e a giovani appassi...
Data
26 Novembre 2020
Ora di inizio
18:00
2a Data
3 Dicembre 2020
Ora di inizio
18:00
3a Data
10 Dicembre 2020
Ora di inizio
18:00
4a Data
17 Dicembre 2020
Ora di inizio
18:00
Leggi di più
CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

CAF Acli Bergamo ricerca operatori fiscali per il 2021

Lascia la recensione
Per tutte le sedi della provincia di Bergamo
Leggi di più
Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Aldo Bonomi: investire sui giovani per nuove competenze

Lascia la recensione
Un territorio che si orienta: la presentazione del progetto
Data
19 Novembre 2020
Ora di inizio
20.45
Leggi di più