di Angelo Bertani
Il tetto
Maggio 2020

Dove stiamo andando?
Dove stiamo andando? Qual è il nostro futuro come società, come comunità cristiana, come persone? Credo che ce lo chiediamo tutti; e mi pare che oggi, più di ieri, la domanda resta senza risposta. Oppure una risposta sembra esserci, ma è confusa e certamente non ottimistica come un tempo. Forse si può dire che c’è poca conoscenza e poca autocoscienza; e soprattutto pochi riferimenti di valore e poche speranze personali e collettive.

Non vorrei essere pessimista, ma mi sembra che questa domanda “dove stiamo andando?” ci si ripropone spesso, in tanti modi. Recentemente anche per la tragica emergenza provocata dalla epidemia del Coronavirus; e spesso si trasforma in un’angoscia. Invece che essere una speranza, il futuro appare come una minaccia, una delusione che si annuncia, che sta per caderci addosso. Altre volte accade che, forse per esorcizzare questi timori, pensiamo al futuro con un ingenuo ottimismo.
Ma anche questo atteggiamento spesso non è rasserenante e positivo perché comporta spesso la dialettica illusione-delusione. E ciò provoca incertezza, ansia, instabilità di autocoscienza e di comportamenti.

Leggi l’articolo completo