di don Tonino Bello

Chi spera, cammina: non fugge.
Si incarna nella storia, non si aliena.
Costruisce il futuro,
non lo attende soltanto!
Ha la grinta del lottatore,
non la rassegnazione di chi disarma!
Ha la passione del veggente,
non l’aria avvilita di chi si lascia andare.
Cambia la storia, non la subisce!