In questo momento difficile e tremendo in cui la nostra socialità e forzatamente e responsabilmente ridotta, se non annullata, possiamo trovare soluzioni alla solitudine, una di queste è scrivere. Scrivere quello che stiamo vivendo, scrivere di amore e di speranza, scrivere di rabbia o di gioia, scrivere senza timore di essere giudicati, ma con la voglia di condividere e conoscersi. Arci Bergamo invita chiunque volesse a scrivere una lettera (massimo due cartelle), che verrà raccolta in un libro che rimarrà come memoria fertile di una stagione che ci vede tutti costretti e uniti nella stessa solitudine, senza distinzione di età, sesso o estrazione sociale. Alcune delle lettere saranno pubblicate sul sito di Bergamonews (link) che è media partner dell’iniziativa.

Per chi volesse partecipare basta inviare la lettera all’indirizzo bergamo@arci.it. La lettera dovrà contenere i dati dell’autore (nome, cognome, residenza, mail, telefono). Tutti gli autori conservano la proprietà dei diritti, pur consentendo ad Arci Bergamo la pubblicazione del racconto a titolo gratuito nell’antologia cartacea nella versione ebook, sul sito Arci Bergamo e su Bergamonews. La gratuità e legata al fatto che eventuali introiti andranno completamente in solidarietà a chi sta combattendo in prima linea questa pandemia. Gli introiti e le loro devoluzione verranno pubblicate sul sito www.arcibergamo.it (per tali motivi andrà compilata, firmata e inviata una liberatoria).

Ulteriori informazioni disponibili sul sito di Arci Bergamo