Il “Parco che unisce” è una manifestazione di produttori vitivinicoli del Parco dei Colli che si è tenuta presso il complesso agricolo “La Porta del Parco” a Mozzo il 5 e 6 ottobre.  E’ un’iniziativa promossa dal Comune di Mozzo e dalle cooperative sociali Oikos e Alchimia, in collaborazione con diverse associazioni che valorizzano la cultura del cibo sano come Slow Food, con l’intenzione di rendere visibile alla cittadinanza il lavoro svolto in questi sei anni alla “Porta del Parco”. Tra le diverse iniziative segnaliamo l’inaugurazione del nuovo vigneto “Masnada”, circa 4 ettari reimpiantati a luglio 2019 con nuove barbatelle. 

Venerdì 11 ottobre, alle 10,30 con gli ospiti del Centro Socio Educativo (CSE) Padre Ubiali, promosso dai comuni di Mozzo e Curno e gestito dalle Cooperative Lavorare Insieme e Alchimia, si chiuderà il percorso di adozione delle piantine di vite che ha già coinvolto tutti gli scolari della scuola elementare di Mozzo.

E’ un’iniziativa voluta per valorizzare il legame tra percorso educativo e ambiente. È simbolico, ma è proprio bello vedere sulle piantine i nomi di tante persone che accompagneranno la loro crescita e vivranno una speciale relazione con la bellezza di un luogo della loro comunità che le famiglie hanno potuto scoprire e apprezzare proprio in questa occasione. Inoltre la cura del vigneto Masnada permette alla cooperativa Oikos di inserire e sostenere persone con fragilità.