Le parole di Alessandro Bergonzoni su un articolo pubblicato da Avvenire il 14 maggio 2019, a cura di Lucia Bellaspiga.

“Liberiamo i nostri figli dalla paura! Diciamogli che la persona disagiata è chi guarda, non chi è nel disagio. Che il cibo è spazzatura, ma per molti la spazzatura è il cibo. Liberiamoci dal conflitto di disinteresse. Il cambio dev’essere esistenziale, non di partito: portiamolo nelle scuole, è lì il vero Parlamento.”

L’attore scrive sul cattivismo imperante, questione sempre attuale: “la ci/viltà sui social“, la rabbia espressa dietro il vetro dell’anonimato. Rigurgiti odierni di “aporofobia” (disgusto verso i poveri).

“Ci vuole un cambio di frequenza che muova da dentro, da dove parte la tua idea di vergogna: quando parlo di diritti non regge più la sola Costituzione, manca una sana costituzione interiore. I partiti hanno creato questo momento storico, hanno acceso il fuoco perché potesse bruciare, perché si calpestasse il pane purché non andasse ai rom: quando arrivi a questo è già tardi, bisogna agire nelle scuole, raccontare lì il tema della paura che nasce da una mancanza d’amore, e raccontare il mistero degli Interni, il mistero della Giustizia, il mistero della Salute, il mistero dell’Istruzione.”

Leggi l’articolo completo