Il ginecologo congolese Denis Mukwege e l’attivista yazida Nadia Murad hanno vinto il premio Nobel per la pace 2018, “per i loro sforzi per mettere fino all’uso della violenza sessuale come arma in guerre e conflitti armati”. L’annuncio alle ore 11 di venerdì 5 ottobre a Oslo, in Norvegia, dal Comitato norvegese per i Nobel. Entrambi i premiati, ha spiegato il Comitato, hanno dato un contributo essenziale per portare l’attenzione sui crimini di guerra. Mukwege ha dedicato la sua vita ad aiutare e difendere le persone coinvolte in violenze e abusi. Murad ha raccontato le violenze subite e inflitte ad altre persone. Grazie al loro lavoro hanno entrambi contribuito a rendere di attualità e sentito il tema delle violenze sessuali nei conflitti e nelle guerre, consentendo spesso di identificarne gli autori.