“Nei giorni scorsi a Torino, nella Piccola Casa del Cottolengo, è morto don Carlo Carlevaris. Aveva 92 anni ed è stato uno dei primi preti operai italiani. Assunto alla Lamet, azienda della cintura torinese, lavorò poi in Fiat, alla Grandi Motori, alla Lancia e alla Michelin. Una scelta la sua, come quella di centinaia di altri negli anni sessanta e settanta, per proporre un nuovo modo di essere prete e per ridare dignità al lavoro, anche e soprattutto del lavoro manuale. Un’esperienza – fatta di Vangelo e di fedeltà all’uomo, di radicalità sotto il segno della condivisione (“essere come loro”) e della povertà – che oggi andrebbe ripresa e studiata con più attenzione”.

LEGGI TUTTO …