“L’equazione crescita uguale benessere non funziona più. Nel mondo occidentale come in Europa. L’incremento dell’economia non è un processo costante che crea progresso a velocità regolare, secolo dopo secolo. Al contrario, il progresso avviene molto più rapidamente in alcuni periodi che in altri. Non ci fu praticamente crescita economica per millenni fino al 1770, poco prima della Rivoluzione Francese. Da lì al 1870 ci fu soltanto uno sviluppo lento, esito dei primi effetti della rivoluzione industriale, mentre l’unica vera crescita tumultuosa ci fu dal 1870 al 1970, con le grandi innovazioni. La formula della premessa è quindi andata in crisi cinquant’anni fa, perché gli avanzamenti dell’ultimo mezzo secolo sono stati incorporati per lo più nell’intrattenimento, nelle comunicazioni e nella raccolta ed elaborazione di informazioni, i Big Data. Per tutto il resto che interessa l’umanità – cibo, vestiario, riparo, trasporti, salute e condizioni di lavoro dentro e fuori casa – il progresso ha rallentato, sia qualitativamente che quantitativamente”.

LEGGI TUTTO …