“La mia casa era in fiamme, l’esercito è venuto con armi e benzina. Non potevamo restare lì”. Il 25 agosto l’Arsa, un gruppo armato che dice di battersi per i diritti della minoranza rohingya, ha attaccato alcuni commissariati della polizia birmana uccidendo 12 agenti. L’esercito ha risposto lanciando una rappresaglia contro i civili rohingya, avallata dal governo. Durante l’operazione di pulizia etnica più di mille persone sono state uccise e oltre 600 mila sono scappate in Bangladesh.

LEGGI TUTTO E GUARDA IL VIDEO…