Nell’autunno del 2012, Xi Jinping, l’attuale segretario generale del Partito comunista cinese, quello che l’Economist ha recentemente definito “l’uomo più potente del mondo”, era una figura poco nota. Aveva trascorso i cinque anni precedenti il diciottesimo congresso del partito come erede designato del presidente Hu Jintao, ma non era noto per alcuna specifica decisione politica, frase o posizione ideologica.

Si sapeva poco della sua vita privata, a parte il suo matrimonio con una famosa cantante, o della sua storia personale, a parte il fatto che fosse il figlio di un ex compagno d’armi di Mao Zedong e Deng Xiaoping.

 

LEGGI TUTTO